...il primo sito che ti insegna a disegnare!

DeAgostini insegna a disegnare?

Ciao a tutti, in questi giorni la famosa casa editrice italiana DeAgostini ci ha sottoposto in anteprima il profilo della loro nuova opera a fascicoli, “l’Arte del Disegno“.
Come facilmente intuibile si tratta di una serie di dispense che hanno come chiaro scopo quello di permettere a tutti coloro che vogliano iniziare a disegnare o riprendere, di procurarsi via via dei buoni strumenti indispensabili e anche di seguire un percorso didattico completo e diluito nel tempo così da permettere un progressivo apprendimento delle varie tecniche esposte.
I partner di questa iniziativa sono di ottima qualità e fama (Faber-Castell e Fabriano in primis, citati anche nel nostro sito), gli argomenti trattati, per quel che c’è stato dato vedere, sono quelli sicuramente necessari ad una buona conoscenza dell’argomento.
Una nota particolare ai materiali che via via verranno allegati, matite acquarellabili, pennelli, crete pastello, matite colorate di ottima qualità sono alcuni tra i componenti del kit che si formerà completandosi con una serie di fascicoli didattici curati da un maestro che illustrerà le tecniche di base per rappresentare i soggetti che ci circondano e per la riproduzione di disegni di maestri famosi.
L’opera si ripromette inoltre di poter dare libero sfogo agli istinti creativi permettendo così al termine del percorso didattico di realizzare opere proprie originali con la tecnica che meglio si è appreso o a cui si è risultati più portati.
A conclusione posso dire che l’iniziativa e’ lodevole e degna di rilievo e ci auguriamo raggiunga anche quelle persone che non avendo dimestichezza con internet non possono seguire i suggerimenti che da Disegnamo.it diffondiamo dal 2001.
….se questo percorso didattico a fascicoli potrà contribuire a diffondere la passione e l’Arte del Disegno, Disegnamo.it certamente la vedrà di buon occhio :)
Per ulteriori informazioni potete collegarvi qui.
Per leggere l’intervista che ho concesso alla redazione DeAgostini leggete qui.
Alla prossima!