...il primo sito che ti insegna a disegnare!

Archivio della categoria: Disegno a mano

Le matite colorate

Pubblicato il 5 novembre 2011 da locchan.
matite

Le matite colorate sono formate da una mina colorata composta da pigmenti macinati finemente e mescolati a sostanze chimiche. Vengono racchiuse in un contenitore di legno che, come per le matite normali, può essere circolare o esagonale. Le matite colorate risultano molto utili per i disegni al tratto e per i ritocchi complementari difficili da realizzare con altri materiali.

La mobilità del trattola freschezza e la forza del colore sono le caratteristiche principali di questo strumento.

In commercio ci sono molte tonalità e in base alla marca le matite possono essere più o meno morbide. Esistono anche le matite acquerellabili che permettono, passando sopra al disegno dell’acqua, di ottenere un effetto molto simile all’acquarello.

Continua a leggere



La matita

Pubblicato il 4 novembre 2011 da locchan.
matita

Materia prima per la produzione della matita è la grafite, una forma di carbonio naturale creatosi, come il carbone, in epoca preistorica. Scoperta intorno al ’500 nel Cumberland, originariamente la grafite era usata per fabbricare palle di cannone. Il suo uso come materiale da disegno era invece limitato, data la sua estrema friabilità. Bisognò arrivare alla fine del ’700 per ottenere una grafite “solidificata” con argilla, corrispondente al prodotto oggi comunemente in uso.
Chi vuole imparare a disegnare dovrà innanzitutto impratichirsi delle possibilità di utilizzo della matita.

Continua a leggere



Teoria del colore

Pubblicato il da locchan.
sintesisottrattiva

La percezione del colore dipende da un fattore soggettivo: un comando impartito dal cervello all’occhio umano.
Per un daltonico, infatti, il colore rosso non esiste, e le stesse parole rosso, bianco, grigio non hanno senso se pensiamo al centinaio di rossi dei Maori, ai sette tipi di bianco degli eschimesi e alle più di 600 tonalità di grigio percepite dall’uomo urbano europeo del XX secolo.
Parlare di colore implica che si parli di luce, dal momento che senza la luce non vi può essere colore. Per il pittore è di fondamentale importanza conoscere perfettamente le caratteristiche del colore poiché è questo il mezzo di cui si avvale per la realizzazione delle sue opere.
La luce è la forma di energia che consiste in un movimento ondulatorio ad altissima frequenza. La lunghezza d’onda è compresa tra 0,7 e 0,4 micron e corrisponde all’aspetto dei sette colori conosciuti: il magenta (rosso tendente al violaceo), l’arancione, il giallo, il verde, il blu, l’indaco e il violetto che, componendosi, danno la luce bianca del sole.

Continua a leggere



Introduzione al disegno

Pubblicato il da locchan.

Prima ancora di incominciare, dobbiamo assolutamente sfatare un concetto che molto spesso si sente dire da chi non sa o non ha mai provato a disegnare: NON È VERO CHE SA DISEGNARE E DIPINGERE BENE SOLO CHI HA UNA DOTE NATURALE O È PARTICOLARMENTE DOTATO. Niente di più falso. Per raggiungere soddisfacenti risultati non è necessaria nessuna dote particolare, ma solo volontà e costanza.
Non si può imparare tutto in un solo giorno e, se questa è la prima volta che vi avventurate nel mondo del disegno, sappiate che combinerete moltissimi disastri prima di arrivare a un risultato accettabile.
Seguendo un metodo, procedendo per gradi e in maniera razionale, non senza la guida di un esperto fin dai primi passi, si potranno evitare perdite di tempo e immancabili errori di base che in seguito sarebbero più difficili da correggere.

Cosa vuol dire disegnare?

Continua a leggere