...il primo sito che ti insegna a disegnare!

Archivio della categoria: Menabò

MomArte

Pubblicato il 11 aprile 2017 da locchan.

Momarte - Bloc notesA tutti gli artisti piace scegliere con cura i propri strumenti di lavoro, perdersi tra gli scaffali, annusare la carta e meravigliarsi di fronte a scansie zeppe di colori. Con l’avanzare della tecnologia, però, sono cambiate anche le esigenze. Spesso è più comodo restare a casa e sfogliare le pagine di uno store online. Ma cosa c’è dietro a un negozio virtuale di belle arti? Questo approfondimento si propone di scoprire i retroscena del digitale, dando il modo a tutti gli artisti di conoscere dettagli, problemi e necessità.
Inauguriamo la rubrica con MomArte, uno store online dedicato al mondo dell’arte, pensato per artisti da artisti.
MomArte non è solo un negozio virtuale, è anche una community molto attiva su Facebook che ha come missione quella di incoraggiare giovani talenti, fornendo materiali sicuri e freschi di produzione.

Ma chi si nasconde dietro a questo nome?

Continua a leggere



Volto in movimento

Pubblicato il 25 novembre 2016 da locchan.

COME DISEGNARE UN VOLTO IN MOVIMENTO
A cura di Chiara Silva

ritratto-volto-di-profiloCome si realizza un ritratto realistico di un volto di profilo? E di tre quarti?
Muovere i primi passi per realizzare un ritratto efficace può sembrare davvero complesso. Uno degli aspetti che appare più insidioso al principiante è quello del movimento, e la testa è un soggetto assolutamente mobile; anzi, mobilissimo, perché in ogni secondo possono variare in essa infiniti dettagli. Dai battiti di ciglia alla rotazione dell’occhio al movimento delle labbra, allo spostamento dei capelli, sino al movimento anche impercettibile del collo e delle spalle che agiscono immediatamente sull’inclinazione e rotazione del capo.

Questi appena citati sono i due movimenti fondamentali che la testa compie: ROTAZIONE ed INCLINAZIONE.

Continua a leggere



Ritratto dal vivo

Pubblicato il 3 ottobre 2016 da locchan.

RITRATTO DAL VIVO
A cura di Chiara Silva

anteprima-ritratto1-620x349

INTRODUZIONE DELLA RUBRICA
Dopo il successo delle 2 video rubriche dedicate al mondo del disegno, in tanti mi avete chiesto di affrontare il tema del ritratto del volto umano.
Ebbene, ho deciso di assecondare le vostre richieste e ho creato una nuova rubrica che tratta nello specifico come imparare a realizzare un ritratto realistico a matita.
Il volto umano è tra i soggetti che, chi ama il disegno, maggiormente desidera padroneggiare Vedere emergere da un foglio bianco i lineamenti realistici di qualcuno, soprattutto di qualcuno che conosciamo e amiamo, nonostante l’era del digitale e dei selfie, conserva il suo fascino magico e inimitabile.
Nessuna tecnologia sarà mai in grado di annientare lo stupore davanti alla capacità della nostra mano di rappresentare la somiglianza e il realismo. Certo questa non è la principale funzione che l’arte riveste oggi ma, esistono ancora le scuole d’arte che lo insegnano e ancora a molti interessa acquisire le competenze per disegnare ritratti efficaci.

Continua a leggere



Nel (di)segno di…

Pubblicato il 17 dicembre 2014 da locchan.
06

Nel (di)segno di…
A cura di Chiara Silva

INTRODUZIONE

Questa nuova rubrica nasce per gli appassionati di disegno e si propone di avvicinarci in modo profondo agli aspetti tecnici ed espressivi dell’opera grafica di alcuni grandi artisti. Di questi, in alcuni casi, sono note alla maggior parte del pubblico solo le opere pittoriche o scultoree che hanno sviluppato e posseggono una qualità di segno così particolare da essere inconfondibili, come un’impronta, una carta d’identità ancora più profonda della loro stessa firma.

La rubrica interesserà soprattutto chi ama l’arte in genere e chi nutre una passione particolare per il disegno, perché lo pratica, perché non lo pratica ma vorrebbe farlo, perché lo pratica ma vorrebbe imparare ad andare “oltre”, cioè verso quei valori espressivi che fanno di un disegno un’opera d’arte. Definito il “padre di tutte le arti”, il disegno come aspetto fondamentale di progettualità e di rappresentazione fresca ed immediata di un’idea o come tecnica esecutiva finale di un’opera d’arte è ciò che più ci parla dell’artista che l’ha prodotto.

Continua a leggere



Pablo Picasso

Pubblicato il da locchan.

Nel (di)segno di…
PABLO PICASSO

A cura di Chiara Silva

“Bisogna uccidere l’arte moderna. Questo significa che bisogna uccidere sé stessi, se si vuole continuare ad essere in condizione di fare qualcosa.”

Con questa frase scritta da Picasso al culmine del successo della sua pittura cubista, iniziamo il breve viaggio nel disegno di Pablo Picasso.
Per chi di voi è attento o mastica un po’ di storia dell’arte, la frase suonerà un po’ strana. Proprio lui, l’artista forse conosciuto come il più rivoluzionario nell’arte dell’inizio del novecento, dopo aver dato vita al movimento Cubista, parla di “uccidere l’arte moderna”, per ritornare a quelli che sono i più tradizionali moduli figurativi classici, ricercando nuove soluzioni formali sempre innovative al fine di scongiurare lo spettro della ripetizione e continuare a farsi interprete della rappresentazione dello spirito della sua epoca, come pochi altri sono riusciti a fare.
Picasso non è solo cubismo, quest’ultimo rappresenta solo una stagione della sua opera lunghissima e instancabile; chiunque abbia qualche conoscenza un po’ più approfondita del maestro spagnolo, sa che la sua formazione fu assolutamente tradizionale, che le sue abilità tecniche erano formidabili e che il suo legame con il “classico” riemerge nella sua potente seduzione, in tutti i momenti di svolta nella carriera dell’artista.

Continua a leggere



Il chiaroscuro

Pubblicato il 16 dicembre 2014 da locchan.

Per la rubrica “DOVE HO SBAGLIATO?” oggi affronteremo un altro tema molto importante:

Perché non mi riesce un chiaroscuro omogeneo e sfumato?

Siamo adesso alle prese con una delle problematiche più comuni per chi si avvicina al mondo del disegno a mano libera.
Superato lo scoglio del disegnare le forme così come realmente si vedono, ecco presentarsi un’altra difficoltà: il chiaroscuro.
Riuscire a eseguire un buon chiaroscuro significa saper regalare al nostro disegno l’illusione della tridimensionalità della forma, viceversa, un cattivo o poco efficace chiaroscuro renderà il nostro disegno sempre piatto e poco realistico.
L’argomento è ampio e complesso, ma noi oggi prenderemo in considerazione una piccola, anche se importante parte del problema: come rendere il chiaroscuro omogeneo e ben sfumato su una superficie cilindrica con due semplici strumenti, ovvero una matita morbida 6B e una gomma pane.

Continua a leggere



La prospettiva

Pubblicato il 1 ottobre 2014 da locchan.

La rubrica “DOVE HO SBAGLIATO?”, dopo aver raccolto grande successo con i primi due numeri, prosegue con una terza uscita dedicata a una tematica che mette in crisi molti aspiranti disegnatori.

Se il tuo disegno sembra simile a una natura morta cubista, ma non era esattamente ciò che volevi, è ovvio che hai avuto difficoltà con la realizzazione corretta e coerente della spazialità e del senso di profondità. Imparare la prospettiva è quello che ti serve.

Questo numero della rubrica risponde proprio a questa domanda:

Perché non riesco a dare il senso corretto della profondità e della spazialità nel mio disegno?
I piani e le forme sembrano essere disposti male nello spazio e gli oggetti sembrano scivolare sul piano di appoggio anziché esservi solidamente appoggiati.

La risposta è una soltanto: non hai applicato correttamente le regole della prospettiva.

Continua a leggere



Pazzi per il Fumetto: al via la terza edizione

Pubblicato il 31 luglio 2014 da locchan.

Anche quest’anno, con l’arrivo dell’estate, parte il tradizionale concorso fumettistico promosso da Villa Iris II e organizzato in collaborazione con la Scuola di Comics di Torino. “Pazzi per il Fumetto” è un’iniziativa aperta a giovani disegnatori che si vogliano cimentare con un tema particolare e inusuale per il mezzo espressivo del fumetto: il disagio mentale e fisico. Agli autori è concessa totale libertà sulle trame e sullo stile, purché ogni storia venga raccontata esattamente in quattro tavole e rispetti il tema del concorso.

La giuria del concorso selezionerà poi, tra tutti gli elaborati inviati, le 10 storie vincitrici, che dovranno risultare interessanti sia sotto il profilo tecnico, che per l’originalità della sceneggiatura.

Ognuno dei 10 vincitori riceverà 180 euro a titolo di “contributo editoriale” e potrà vedere la propria storia pubblicata in un albo a colori, che verrà stampato in 3.500 copie e distribuito gratuitamente. Inoltre, una speciale giuria di lettori, composta dagli ospiti di Villa Iris II, selezionerà tra le dieci storie vincitrici, il “racconto migliore”, che riceverà una ulteriore menzione d’onore e sarà collocato in apertura, nell’albo.

Continua a leggere



Proporzioni corrette

Pubblicato il 17 luglio 2014 da locchan.

Il secondo numero della rubrica “DOVE HO SBAGLIATO?” è dedicata a una tematica chiave; risponde alla domanda: perché il mio disegno risulta sproporzionato?

Come capire se le proporzioni di una forma disegnata sono corrette rispetto a quelle del soggetto ritratto?

Quando si copia un soggetto figurativo, uno dei problemi più comuni è la restituzione corretta delle proporzioni; se queste sono sbagliate, la rappresentazione del soggetto sembrerà sempre “deformata” e poco somigliante al modello ritratto, sia esso una figura o un ritratto, oppure un semplice oggetto.

La chiave per risolvere questa problematica è riuscire a riportare nel disegno le proporzioni, le simmetrie, i rapporti corretti tra le parti compiendo un’osservazione e un’analisi profonda del soggetto attraverso la visione.

Continua a leggere



ilmioesordio a fumetti

Pubblicato il 20 maggio 2014 da locchan.

2° concorso nazionale ilmiolibro.it per libri a fumetti all’esordio (il “Concorso”)

È on-line la seconda edizione di ilmioesordio a fumetti, il concorso nazionale dedicato a tutti i vignettisti, fumettisti e disegnatori, professionisti e non, che possono proporre le loro storie, raccolte o antologie a fumetti di ogni genere, argomento e stile.
Il Concorso è realizzato da ilmiolibro.it, la piattaforma di self-publishing del Gruppo Editoriale Espresso, in collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics.

I° Premio:

Viaggio premio di una settimana a Chicago, comprensivo di:
- volo a/r da Roma o da Milano per Chicago
- Partecipazione a workshop e attività della sede di Chicago di Scuola Comics

In alternativa al I° Premio sopra descritto, il vincitore potrà scegliere di ricevere la somma di Euro 1000,00 (mille/00).

Continua a leggere