Logo Disegnamo.it

Autore Topic: domanda 1 po\\\' banale  (Letto 2243 volte)

Offline Haruko

  • Frequentatore Abituale
  • **
  • Post: 32
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
domanda 1 po\\\' banale
« il: Ottobre 02, 2002, 08:31:00 pm »
scommetto ke tutti voi lo saprete perfettamente, ma... cosa significa ke \"l\'arte greca è razionale\"?
Come nello sport, anche l\'autobus ha le sue regole: pagare il proprio biglietto è una di queste. Se lei non lo fa, lei commette un\'INFRAZIONE.

Offline philo

  • Frequentatore Abituale
  • **
  • Post: 59
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
domanda 1 po\\\' banale
« Risposta #1 il: Gennaio 24, 2003, 04:26:00 pm »
Hi Haruko !

è una bella domanda...molto alla spicciola posso dirti che x i greci esisteva un ideale di bellezza (il + bel seno, le + belle gambe, l\'occhio + perfetto ecc...) questo era mirato a creare una sorta di rappresentazione ideale della realtà pensata \'razionalmente\' (ci sarebbe da accennare anche alle varie correnti filosofiche ma se ti interessa ti riscrivo...
E\' da confrontare con l\'arte romana, tutta dedita ad una rapp. realistica della realtà (bellissimi i ritratti (impietosi) dei nobili romani....

A presto

il vvcpp
       IL VVCPP
(Vostro Vecchio Caro Profe Philo)

Offline mg78

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 468
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
domanda 1 po\\\' banale
« Risposta #2 il: Gennaio 24, 2003, 07:33:00 pm »
ma non dovrebbe essere l\'arte romana ad essere razionale ???? proprio xchè riportava il realismo nelle proprie opere, no?
[addsig]

Disegnamo.it

  • Sponsor
  • *****

Offline masaniello

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 356
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
domanda 1 po\\\' banale
« Risposta #3 il: Febbraio 12, 2004, 04:54:00 pm »
Nell\'antichità greca c\'era una teoria (la più importante della storia dell\'estetica, e che s\'è mantenuta nel corso dei secoli successivi pur con delle sostanziali variazioni), formulata mi pare dai pitagorici, che faceva coincidere la bellezza con la proporzione delle parti. Ovvero stabiliva dei rapporti numerici precisi tra le varie parti che costituivano una forma. L\'opposto del \"bello\" era dato dall\'assenza di queste proporzioni, codificate da diventare delle vere è proprio regole, leggi del fare artistico.

Forse questo potrebbe dare una risposta alla tua domanda. :|

[ Questo messaggio è stato modificato da: masaniello il 2004-02-12 17:00 ]
.. e non Dio ma qualcuno che per noi l\'ha inventato ci costringe a sognare in un giardino incantato.