Logo Disegnamo.it

Autore Topic: il bello e il brutto nell\\\'arte...  (Letto 15305 volte)

Offline anastasia

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 350
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://anastasia.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #15 il: Dicembre 19, 2004, 02:12:00 pm »
un conto è creare opere con materiale di reciclaggio o altro, (qualsiasi cosa è ok, fantastica!) l\'arte non si abbraccia al bello!, ma all\'emozione;  come dice stefano, al vissuto dell\'artista stesso.
Un conto invece, come dice, a mio parere, giustamente Night , la \"provocazione\" perché sono un grande, mi posso permettere tutto, ke tutto viene accettato!!
mh, non mi piace come concetto.
L\'eccesso come il difetto, storpia.
(comunque Night, carina l\'idea del panino).
IL GENIO DI UN UOMO NON STA NELL\'AVERE UN TALENTO, MA NEL SAPERLO COLTIVARE.
(frase stampata su una bustina di zucchero al bar)

Offline masaniello

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 356
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #16 il: Dicembre 19, 2004, 03:16:00 pm »
Ma Duchamp non era un grande. Lo è diventato muovendosi controcorrente.
.. e non Dio ma qualcuno che per noi l\'ha inventato ci costringe a sognare in un giardino incantato.

Offline anastasia

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 350
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://anastasia.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #17 il: Dicembre 19, 2004, 05:00:00 pm »
Quella di Ofili? Quella sì ke è vera \"forza interiore\" Night. (perdonami la battuta) ciao.

Mi dispiace masa, non sono così acculturata, ora non posso risponderti, ...ma lo farò.
baci.

[ Questo messaggio è stato modificato da: anastasia il 2004-12-19 17:11 ]
IL GENIO DI UN UOMO NON STA NELL\'AVERE UN TALENTO, MA NEL SAPERLO COLTIVARE.
(frase stampata su una bustina di zucchero al bar)

Disegnamo.it

  • Sponsor
  • *****

Offline Nightlight

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 900
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://nightlight.altervista.org/
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #18 il: Dicembre 19, 2004, 05:21:00 pm »
allora si ritorna al mio concetto di fondo..
\'a volte basta esser provocatori in maniera eccentrica e originale per esser considerati artisti\'... :-/
Quanti di voi comprerebbero (se fosse possibile)l\'opera di duchamp e la metterebbero in bella mostra nel salotto di casa? l\'arte é fatta per essere ammirata

_________________

Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-19 17:22 ]

Offline stefano

  • Newbie
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://www.arturin.it
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #19 il: Dicembre 19, 2004, 07:34:00 pm »
  Anastasia dice che; \"un conto è creare opere con materiale di reciclaggio o altro, (qualsiasi cosa è ok, fantastica!) l\'arte non si abbraccia al bello!, ma all\'emozione; come dice stefano, al vissuto dell\'artista stesso.
Un conto invece, come dice, a mio parere, giustamente Night , la \"provocazione\" perché sono un grande, mi posso permettere tutto, ke tutto viene accettato!!
mh, non mi piace come concetto.
L\'eccesso come il difetto, storpia.\"

Non voglio aggiungere nulla al concetto di Anastasia, che condivido in pieno, ma a mò di conclusione sul tema della fantasia e della capacità artistico-creativa, ecco un\'affermazione davvero autorevole per la firma che porta;
\"Un tempo disegnavo come Raffaello,
ma mi ci è voluta una vita intera per disegnare come i bambini.....\"
                           Pablo Picasso
stefano
In Stefano Rollero\'s painting, the poetic and conceptual meaning find a connection of contributions
bel\"ween reality seen as subject and intuited as abstratction in the expressive act of fantasy\"
Of a person who can dialogue with thin

Offline anastasia

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 350
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://anastasia.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #20 il: Dicembre 19, 2004, 08:54:00 pm »
Stefano ciao,
anche io avrei voluto fare l\'esempio di Picasso, ma non mi sembrava pertinente in merito all\'argomento posto da Night.
Premetto non conosco le oprere di Duchamp, ma posso intuire che non usa la stessa tecnica di Picasso, (non credo ke Naiht e nessun altro avrebbe mai messo in discussione Picasso), ma faceva riferimento, proprio a quegli \"artisti\"  che fanno dell\'arte uno strumento \"demenziale?!\"
(ora masa mi insulterà a morte)
non so se sono stata chiara, lo spero però.
IL GENIO DI UN UOMO NON STA NELL\'AVERE UN TALENTO, MA NEL SAPERLO COLTIVARE.
(frase stampata su una bustina di zucchero al bar)

Offline sanja

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 670
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://www.sanja.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #21 il: Dicembre 20, 2004, 01:22:00 am »
beh, io l\'urinatoio di duchamp lo metterei in bella vista, adoro il dadaismo (non so se si è capito )
condivido con masaniello.

tornando al discorso principale: non si può generalizzare dando per assoluta una qualsiasi definizione di BELLO o BRUTTO nell\'arte. a me michelangelo per esempio non può dire nulla, e magari una pisciatoio si. a me colpisce la provocazione, il concetto e non la tecnica. la tecnica annoia, qualcosa che colpisce non ti stanca mai.
è come paragonare i dream theater ai tool.
in parole povere: è una cosa soggettiva.
e non bisogna confondere la tecnica con il fattore estetico.

e stefano, condivido in pieno su quello che hai scritto:)

Disegnamo.it

  • Sponsor
  • *****

Offline Nightlight

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 900
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://nightlight.altervista.org/
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #22 il: Dicembre 20, 2004, 07:55:00 am »
Vabbé a questo punto mettetevi il pisciatoio in salotto... magari abbinato alle \'sculture\' di piero manzoni e a un quadro di ofili (così si fa tutto l\'abbinamento).. io (potendo s\'intendo) preferirei appendere al muro la nascita di venere o la madonna con bambino e angeli di Lippi. Chiudo qui

_________________

Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-20 08:01 ]

Offline anastasia

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 350
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://anastasia.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #23 il: Dicembre 20, 2004, 10:14:00 am »
ciao raga, allora dato ke sono ignorante in  materia, e lungi da me l\'intento di farvi cambiare idea, anzi, vorrei IO capire come riuscite ad apprezzare certe opere, Sanja e Masa, mi potete spiegare in base a cosa le opere sopracitate dalla nostra cara Night sono degne di essere considerate tali? Spiegatemi, cosicché nel momento in cui ne veda una, invece di ingorarla disgustata, mi possa soffermare a osservarla e a trarne un\'emozione positiva! per favore illuminatemi voi.


Stefano vorrei capire una cosa! quando hai scritto il tuo primo post, facevi riferimento a tali \"opere\"?
Io quando ho letto il post non ci ho pensato affatto, a me è sono venuti in mente \"Picasso, Matisse, Klimt, Dalì... e tutti coloro ke come te usano oggetti di ogni tipo per dargli personalità \" è stata Night ke con la sua argomentazione mi ha fatto venire in mente che esistono anche certe opere ke, per ora, non riesco ad apprezzare, perché guardandole non vedo nulla, se non l\'oggetto fine a se stesso.

ps. anche io condivido il concetto di Stefano, ma a tutto c\'è un limite!

n.b. spero mi facciate cambiare idea!

bacioni e Buone feste

[ Questo messaggio è stato modificato da: anastasia il 2004-12-20 10:33 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: anastasia il 2004-12-20 10:37 ]
IL GENIO DI UN UOMO NON STA NELL\'AVERE UN TALENTO, MA NEL SAPERLO COLTIVARE.
(frase stampata su una bustina di zucchero al bar)

Offline Nightlight

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 900
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://nightlight.altervista.org/
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #24 il: Dicembre 20, 2004, 11:04:00 am »
bu ..
(si, ok.. avevo detto che quello era il mio ultimo post sul tema.. ma giuro che non parlerò più delle stesse cose ).
Il dadaismo é nato come ribellione a determinati concetti dei benpensanti.. in pratica si tratta di un movimento che arriva persino alla negazione dell\'arte in nome della libertà. Di conseguenza molti oggetti estrapolati dal loro contesto, dotati di un certo significato (vedi i famosi barattolini di manzoni) possono (secondo questa definizione) essere visti come delle opere.. tuttavia ci sono dei punti su cui non sono d\'accordo. Mi dispiace ma conosco abb bene manzoni (anche se non sono sicura che sia collegato al dadaismo.. cmq.. l\'arte é arte)quindi farò altri esempi legati a lui.. vedi Basi Magiche (chi vi sale sopra diventa un\'opera d\'arte), le persone firmate dall\'artista (alle quali rilasciava una ricevuta di attestazione di questo stato) e consumazione dell\'arte attraverso la sua divorazione (uova sode firmate e consumate nella galleria dall\'artista - non vi ricorda la storia del mio panino? ). Dietro a tutte le sue provocazioni ci sono anche dei concetti interessanti.. ad es che gli uomini sono disposti a comprare qualsiasi cosa purché sia firmata. Ma un concetto non credo che faccia diventare una scultura, un dipinto, ecc un\'opera d\'arte... o almeno non sempre. Da ignorante quale sono mi viene da pensare a leonardo e a tutti gli sforzi che ha fatto per apprendere e migliorare (anche nel disegno e la pittura).. il termine \'opere d\'arte\' racchiude tutte le produzioni artistiche.. quelle di leonardo sono opere d\'arte.. ma come faccio a far rientrare nella stessa categoria anche le basi magiche?


_________________


Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-20 11:07 ]

Offline anastasia

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 350
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://anastasia.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #25 il: Dicembre 20, 2004, 11:25:00 am »
ciao nignt,
grazie per la spiegazione, tu la pensi come me, vorrei leggere il parere di masa e sanja, cosa vedono e cosa danno loro queste opere?
IL GENIO DI UN UOMO NON STA NELL\'AVERE UN TALENTO, MA NEL SAPERLO COLTIVARE.
(frase stampata su una bustina di zucchero al bar)

Disegnamo.it

  • Sponsor
  • *****

Offline anastasia

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 350
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://anastasia.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #26 il: Dicembre 20, 2004, 12:17:00 pm »
Sapete una cosa? mentre lavavo i piatti, riflettevo sull\'argomento, purtroppo non ho molto tempo per scrivere, devo andare al lavoro, cercherò di sintetizzare.
Tutto ci riporta alla fatilica frase \"non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace\", in effetti tutto è rapportato a come siamo noi.
C\'è chi ama avere emozioni brevi ma forti, c\'è chi piace avere emozioni \"ascenteni?\" ossia godersi l\'interezza dell\'emozione mentre cresce dentro di noi, c\'è ki prova sesso nel vedere una bella donna in abiti sexy e provocanti, ki invece la trova volgare, ki ama gli sport estremi, ki invece gli sport con relativa assicurazione. Tutto può piacere, dipende da noi.
Però la risposta di masa e sanja ci tengo a sentirla. purtroppo per me, contro di loro, è una lotta impari, io non conosco il Dadaismo, so dell\'esistenza di alcune opere, ma non so abbinarle ai propri creatori. E\' un\'arte ke non mi è mai interessata, pensavo di non perdermi niente, solo ora me ne pento, avrei potuto controbattere meglio!
[addsig]
IL GENIO DI UN UOMO NON STA NELL\'AVERE UN TALENTO, MA NEL SAPERLO COLTIVARE.
(frase stampata su una bustina di zucchero al bar)

Offline sanja

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 670
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://www.sanja.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #27 il: Dicembre 20, 2004, 01:06:00 pm »
ciao ana
allora io la penso così (mi pare di averlo scritto anche su un altro topic)

a me sinceramente vedere un\'opera di un artista moderno non mi dà niente. ok, posso indubbiamente dire che la tecnica sia da osservare a bocca aperta con bava allegata, ma scusa, un cristo, una madonna con bambino o una venere al di là del messaggio religioso   o mitologico non dice nulla.
arte a mio parere (e ribadisco mio) è stupire, dare un messaggio, colpire, catturare, fare riflettere, creare uno scambio tra messaggio proposto e interpretazione personale (che poi potrà anche essere totalmente diversa la mia interpretazione da quello che l\'artista voleva dire, ma il bello è qui, questi concetti e movimenti di idee che sono messi sempre in discussione).

a mio parere non c\'è nessun messaggio dietro un\'opera moderna, solo l\'esaltazione della figura rappresentata. non so se mi spiego.

con questo non voglio dire che michelangelo o leonardo non hanno fatto arte, anzi, ma io non la preferisco ad altre.

Offline anastasia

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 350
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://anastasia.altervista.org
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #28 il: Dicembre 20, 2004, 02:18:00 pm »
Certo, capisco!!
Se un Duchamp, Ofili o un p. Manzoni, fanno parlare così tanto di sé, ...o sono dei grandi loro o siamo degli idioti noi.
insomma se uno riesce a mettere un urinale in un museo e farlo apprezzare qualcosa darà!!
Comunque per quanto mi riguarda con è il genere d\'arte ke apprezzo, io amo Dalì, Klimt, Picasso, ....etc;   e, non disdegno, come del resto dici anche tu, i grandi del rinascimento.

ciao e buone feste
IL GENIO DI UN UOMO NON STA NELL\'AVERE UN TALENTO, MA NEL SAPERLO COLTIVARE.
(frase stampata su una bustina di zucchero al bar)

Offline lkl

  • Frequentatore Abituale
  • **
  • Post: 94
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
il bello e il brutto nell\\\'arte...
« Risposta #29 il: Dicembre 20, 2004, 06:42:00 pm »
sarò rapido nel mio \"contributo\" riguardo alla visione dell\'arte.
mettiamo che, in un ipotetico museo, siano esposti l\'orinatoio in questione e un quadro di rubens.
ipotizzando che io sia un visitatore incontinente che non riesca a trovare la toilette... in quale opera d\'arte espleterei i miei bisogni?
--
luca \"lkl\" esposito