Logo Disegnamo.it

Autore Topic: Le impronte digitali di Leonardo  (Letto 2372 volte)

Offline Nightlight

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 900
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://nightlight.altervista.org/
Le impronte digitali di Leonardo
« il: Agosto 23, 2005, 09:18:00 pm »
La dama dell\'ermellino continua a stupire.
Nel dipinto che ritrae Cecilia Gallerani, conservato nel Museo Czartoryski di Cracovia, sono state identificate alcune impronte digitali di Leonardo
--------------------------------------------
9.8.2000
La scoperta è stata resa nota da A. Vezzosi, direttore del Museo Ideale di Leonardo (Vinci, Firenze),durante una conferenza di presentazione della mostra \"Parleransi li omini…Leonardo e l\'Europa\", che si tiene al Palacongressi di San Benedetto del Tronto fino al 30.9. Le tracce dei polpastrelli di Leonardo sono state rinvenute sulla collana che cinge il collo della Gallerani. Qui il pittore manipolò la materia pittorica x ottenere gli effetti d\'ombra delle perle. La scoperta porta un nuovo contributo alla realizzazione della Banca Dati Mondiale delle impronte di Leonardo, coordinata da Vezzosi e C. Pedretti, direttore dell\'Armand Hammer Institut Center dell\'Università della California. Il progetto è volto alla catalogazione di tutte le opere recanti le impronte del maestro (si tratti di tracce di sudore, di sangue, di saliva di lacrime o di impronte digitali). I segni delle dita di Leonardo rinvenuti sino ad oggi sono circa un centinaio. La tecnica usata dal maestro consisteva nello sfregare il colore, quando era ancora morbido, con le dita o con il palmo della mano. In tal modo l\'artista poteva ottenere particolari effetti di sfumato, di morbidezza e di ombre, come accade x la collana che indossa la Gallerani. Tra le opere che testimoniano questo particolare accorgimento si possono ricordare anche: il ritratto di Ginevra Benci a Whasington (le impronte sono state rinvenute sul fogliame), l\'Annunciazione degli Uffizi, la Vergine delle Rocce del Louvre. Altre tracce sono state trovate anche nei codici scritti dal maestro: ben dieci sul Manoscritto B dell\'Istituto di Francia a Parigi e una su una pagina del Codice Atlantico conservato alla biblioteca Ambrosiana di Milano. Queste scoperte, oltre a portare importanti contributi x la datazione delle opere del genio Vinciano, sono l\'elemento cardine su cui si basa il progetto x la ricerca del Dna dell\'artista. L\'analisi tecnologica dei dipinti potrebbe infatti portare alla scoperta di tracce organiche lasciate dalle dita di Leonardo nella pittura toccata. Se questo avvenisse si potrebbero condurre analisi sul patrimonio genetico del maestro. Le analisi antroponometriche delle impronte digitali potrebbero inoltre permettere di fare luce su tratti fisionomici dell\'artista toscano e forse anche sul suo carattere.
A. Setti
[fonte: exibart]

Questo é per i non amanti dello \'sfumato con dita\'





[addsig]

Offline Robi_67

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 1300
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://www.arviland.com
Le impronte digitali di Leonardo
« Risposta #1 il: Agosto 24, 2005, 01:49:00 am »
Cioè, a parte che oramai rasenti la malattia...
Comunque parlano di colore, non di matita, ed è sulla grafite che il grasso delle mani lascia traccie sgradevoli, tant\'è che quelle che lascia sul colore sono così lievi che ci ahanno messo centinaia di anni a scoprirle.
Sui tuoi disegni è tutto un pasticciato di ditate...

Offline Nightlight

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 900
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://nightlight.altervista.org/
Le impronte digitali di Leonardo
« Risposta #2 il: Agosto 24, 2005, 01:20:00 pm »
Oh che tu dici?!?!?
Bischeeero

Due giorni fa é arrivato un libro che avevo ordinato su internet: Drawing Expressive Portraits.. L\'autore - Paul Leveille - consiglia l\'uso delle dita per sfumare i ritratti.. per lui il max é mischiare tratteggio incrociato, sfumato con dita e compagnia bella nello stesso disegno.. e i risultati sono ottimi

Cmq... le impronte digitali di Leonardo potrebbero aiutare a ricostruire il suo dna.. tra l\'altro vi consiglio anche questa intervista:
http://www.stilearte.it/articolo.asp?stile=85&articolo=002
Forse un giorno riusciremo a sapere molte cose in più sul suo conto.. a partire dalle informazioni futili (i contemporanei lo descrivevano come un uomo bellissimo ) fino a quelle più serie... speriamo in bene


_________________



Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.



[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2005-08-24 13:22 ]

Disegnamo.it

  • Sponsor
  • *****

Offline gab

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 196
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Le impronte digitali di Leonardo
« Risposta #3 il: Agosto 27, 2005, 06:25:00 am »
oddio ma sei un grande...

allora senti, io ho visto la dama con l\'ermellino anni fa quando è stata esposta a roma (mi ha accompagnato mamma, ero piccolo).
ma è vero che è stato calpestato?
alla prossima e buon disegno a tutti

Offline Nightlight

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 900
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • http://nightlight.altervista.org/
Le impronte digitali di Leonardo
« Risposta #4 il: Agosto 27, 2005, 07:11:00 pm »
Ciao Gab.
Non mi risulta nulla di simile.. forse ti confondi con un altro quadro di Leonardo.. il San Girolamo. So per certo che nei secoli hanno asportato la testa del santo per usarla come seduta di uno sgabello. Fortunatamente é stata poi ritrovata..
[addsig]

Offline gab

  • Utente Maximo
  • ***
  • Post: 196
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Le impronte digitali di Leonardo
« Risposta #5 il: Agosto 28, 2005, 06:48:00 am »
io sapevo che durante una guerra un soldato ne aveva calpestato un angolo e si vedeva ancora il tacco dello stivale...
ma credo tu abbia ragione, mi confondo con un altro quadro... :-. ciao
alla prossima e buon disegno a tutti