Area Didattica > Recensioni

[RECENSIONE] Blacksad

(1/10) > >>

Turgeon:
\"Ormai ero condannato a quel mondo: una giungla dove il grande divora il piccolo e dove gli uomini si comportano come animali. Mi ero avviato lungo la strada nel lato più oscuro della vita... e la percorro ancora...\"



Così si chiude \"Da qualche parte fra le ombre\", il primo numero della serie \"Blacksad\", fumetto proveniente dalla patria delle BD ed ora giunto alla terza uscita, pubblicata dalla Lizard in Italia e dalla Dargaud in Francia a partire dal 2000(in Italia dal 2001).
L\'opera, il cui risultato è un mirabile noir in perfetto stile francese, nasce dalla collaborazione tra due artisti spagnoli, Juanjo Guarnido per disegni e colori e Juan Diaz Canales per i testi ed è giunta alla terza uscita se si esclude lo Sketch-book \"I retroscena dell\'inchiesta...\". Dopo \"Da qualche parte fra le ombre\" sono occorsi ben tre anni per poter ammirare l\'attesissimo seguito intitolato \"Artic-Nation\" ed altri due per il terzo, \"Anima Rossa\", tutti albi autoconclusivi.
La storia è ambientata in una New York degli anni \'50(notevolissimo lo sforzo di documentazione e ricerca da parte del disegnatore nel ricreare il paesaggio urbano newyorkese del tempo, dalle auto alle locandine cinematografiche) popolata da animali antropomorfi ,  il protagonista, tale John Blacksad, è un detective privato che rispecchia fedelmente i canoni dell’hard-boiled all\'americana, un finto duro che si trova coinvolto in una lunga serie di omicidi(il primo, quello della sua vecchia fiamma Natalia Willford, ci porta a conoscere lo stesso protagonista) e che spesso deve fare i conti con tipi poco raccomandabili, magari coadiuvato da un aiutante scaltro e simpatico oppure ghermito dalla dolce fanciulla di turno. Apparentemente la storia risulta carente in quanto ad originalità(tema al centro delle critche ricevute in patria) ma Blacksad è senz\'altro un personaggio affascinante,decisamente sentimentale, è carismatico, è misterioso e riscuote fin da subito la simpatia e l\'immedesimazione da parte del lettore, ovviando alle possibili carenze del soggetto.



Nel primo titolo, come si è accennato sopra, il nostro si occupa dell\'assassinio di una sua breve ma intensa fiamma,  gli eventi che seguiranno lo porteranno sulle tracce del colpevole, con un finale ricchissimo di suspence.
“Artic-Nation”, il secondo volume, è forse il titolo che ha portato più notorietà alla coppia Canales-Guarnido ed in particolare a quest\'ultimo l\'anno 2004 ha portato la premiazione come Miglior disegnatore al prestigioso festival di Angoulême, diretto da Régis Loisel(autore della prefazione al primo numero), dove Blacksad si è aggiudicato anche il Premio del Pubblico.
In questa seconda storia troviamo il nostro a The Line, quartiere dove l\'organizzazione chiamata Artic-Nation ha modo di diffondere proclami(e non solo) all\'insegna del razzismo e della violenza.
Anche qui la successione degli eventi condurrà il protagonista a scottanti verità e terribili rivelazioni, in grado di far riflettere il lettore scavando a fondo in quelli che sono i mali peggiori della nostra società.
L\'ultimo numero, ”Anima Rossa”, ha invece inizio a Las Vegas(in accordo con una promessa fatta nel volume precedente) dove sono in corso conferenze in materia di nucleare in pieno clima di guerra fredda tra Russia e Stati Uniti.
La narrazione subisce una brusca accelerazione a partire dal tentato omicidio di un personaggio ancora una volta molto legato a Blacksad e prosegue in un susseguirsi appassionante di colpi di scena.
Ad impreziosire questo volume sono la declamazione de \"L\'urlo\" di Allen Ginsberg da parte di tal Greenberg, poeta ermetico dalle sembianze di bufalo, e l\'action painting del pittore russo Serguei Lutvak, esempio di un ampio uso di citazioni.
Infine nel making of \"I retroscena dell\'inchiesta...\" vengono presentate le tecniche di realizzazione dei vari albi, le interviste agli autori, gli story-board e tutti i \"dietro le quinte\" riguardo Blacksad.

Passando ad un\'analisi più ampia e generale l\'aspetto che attira il lettore fin dalla copertina è la qualità
assolutamente eccelsa dei disegni e soprattutto dei colori.
Juanjo Guarnido in un\'intervista confessa di passare attraverso un lungo e meticoloso studio di luce e resa cromatica prima di considerare finita una tavola, il che rende ognuna di esse un piccolo capolavoro.
Il metodo di colorazione è l\'acquerello, mezzo tanto elegante quanto laborioso e complesso (ecco il perchè dei lunghi intervalli di tempo tra gli albi) ma unico in grado di ricreare quelle atmosfere ricercatissime e spiccare in un panorama caratterizzato dalla colorazione digitale (spesso prediletta dalle case produttrici).



Il passato da animatore per la Disney(in particolare per il film \"Tarzan\" del 1999) determina l\'impostazione dell\'autore e ci suggerisce il perchè della cura maniacale di ogni singola tavola(spesso ridisegnata molte volte) dovuta all\'obiettivo di rendere quanto più cinematografica la narrazione.
Da qui l\'intesa perfetta con Canales la cui regia si dimostra ottima, snella e scorrevole.



Blacksad, che ricorda molto il \"Robin Hood\" disneyano del \'73, si impone quindi, già da qualche anno, all\'attenzione dei critici come uno dei migliori titoli degli ultimi tempi, sicuramente una proposta nuova; via quella degli animali antropomorfi difficilmente percorsa nel mercato francese eccezion fatta per \"Inspecteur Canardo\"(Ispettore Anatroni in Italia) di Benoît Sokal che però in termini di contenuti si stacca notevolmente dal titolo in questione.
Così sfogliando un albo avremo modo di imbatterci nel commissario Smirnov, un cane pastore tedesco, oppure in Jake Ostiombe, il pugile gorilla, in Cotten, la gazza ossessionata dalle luci di Las Vegas, oppure in Weekly, la volpe che affianca il nostro in \"Artic-Nation\".
Cosa aggiungere... Blacksad è un vero piacere per gli occhi ed a questa piacevole impressione contribuiscono anche l\'ottima veste grafica ed il formato cartonato  alla francese.
Per concludere consigliarvi questo titolo risulterà scontato ma non posso farne a meno e mi riservo di citare Loisel accogliendo Blacksad con un \"Juanjo, Juan, benvenuti nel nostro piccolo mondo\"




Ecco in breve tutti gli albi firmati da Canales e Guarnido:

BLACKSAD VOL. 1
DA QUALCHE PARTE FRA LE OMBRE
Lizard Edizioni – Settembre 2001
cm. 24x32 - 48 pp. a colori - cartonato - Euro 16,00



BLACKSAD VOL. 2
ARTIC-NATION
Lizard Edizioni – Febbraio 2003
cm. 24x32 - 56 pp. a colori - cartonato - Euro 16,00



BLACKSAD VOL. 3
ANIMA ROSSA
Lizard Edizioni – Settembre 2005
cm. 24x32 - 56 pp. a colori - cartonato - Euro 16,00



BLACKSAD “I retroscena dell\'inchiesta...”
Lizard Edizioni – Agosto 2005
cm. 24x32 - 80 pp. a colori - cartonato - Euro 29,00


                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                       



Turgeon

Sakun:
madonna è da paura ..una cura impressionante per il dettaglio
la tavola in b/n con il biliardo è fantastica

creativesh0e:
Guarda ti diro\'....a me blacksad non piaceva....adesso forse ci faro\' un pensierino...
complimenti per la recensione fluida e scorrevole come i disegni di guarnido...  :D
ah poi.......

--- Citazione ---Il metodo di colorazione è l\'acquerello, mezzo tanto elegante quanto laborioso e complesso (ecco il perchè dei lunghi intervalli di tempo tra gli albi) ma unico in grado di ricreare quelle atmosfere ricercatissime e spiccare in un panorama caratterizzato dalla colorazione digitale (spesso prediletta dalle case produttrici).
--- Termina citazione ---

questa e\' musica per le mie orecchie!

MrsFujima:
Complimenti Turgeon, la recensione è fatta molto bene.
Particolarmente pregevole è stata l\'inserzione di molte immagini del fumetto, così i nostri \"lettori\" possono constatare di persona se lo stile rientra nei loro gusti. Hai lasciato molto spazio a informazioni oggettive su disegnatori e fumetto e hai condensato molto bene la tua considerazione soggettiva su di esso.
Bene! Bravo!  :wink:

mokuren27:
Cavoli!!Corro in fumetteria!!!!!!!


--- Citazione ---Particolarmente pregevole è stata l\'inserzione di molte immagini del fumetto
--- Termina citazione ---


sono pienamente d\'accordo..anche l\'occhio vuole la sua parte  :wink:

Mi associo ai complimenti per la recensione..molto esauriente! (clapclapclap)

ps: queste recensioni possono essere scritte da qualsiasi utente?

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa