www.disegnamo.it | Il forum di Disegnamo.it...

Discussioni sul Disegno => Storia dell'arte => : stefano December 14, 2004, 12:42:00 AM

: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: stefano December 14, 2004, 12:42:00 AM
Ai giorni nostri non è facile stimolare l’interesse del grande pubblico nel campo dell’Arte, infatti rimane ancora un’ attrattiva (o scoperta) di pochi. Nel mio piccolo ma ugualmente grande mondo creativo cerco sempre di proporre idee per crearne un’ulteriore crescita culturale e umana.
Chiarisco che tutto ciò che svolgo è per passione, non penso mai di fare arte o proporre iniziative per vendere o guadagnare. A volte mi espongo a notevoli sacrifici, e non mancano le delusioni, ma ci sono anche altrettante soddisfazioni personali appaganti.
Nel presentare la mia ultima ricerca, legata all’ ecologia, “le nuvole” alla quale si anticipano tre composizioni precedenti, “le ragazze del basso Canavese”, “figura e stracci ambientali”, “La dea dell’ecosistema”, vorrei contribuire attraverso il mio pensiero a chi si trova di fronte ad un quadro a capirne l’opera. Un’ opera d’arte non avrebbe alcun significato, se non per lo sfogo squisitamente personale e sterile dell’artista, se non ci fosse qualcuno a interpretarla. Quando ci troviamo di fronte a un quadro, ci poniamo una domanda: mi piace o no? E’ bello o brutto? E ci diamo una risposta, una qualunque, secondo il nostro stato d’animo, il nostro umore, allontanando dai nostri pensieri le reali qualità dell’opera che stiamo osservando. Non è sempre così ma spesso accade. < Non è bello cio’che è bello, ma è bello quel che piace>. Si tratta di una frase importante in quanto acquista il suo più profondo significato quando viene pronunciata in conversazioni o discussioni intorno alle opere d’arte.
Ecco che si impone una riflessione; il bello in senso assoluto non esiste. Non esiste un “bello” valido per tutti proprio perché il modo di guardare la realtà è diverso da uomo a uomo. E allora come mai, su certe opere di pittura o scultura c’è una specie di unanimità di consensi?
La risposta è abbastanza facile: vuol dire che in quelle opere tutti “vedono” qualcosa  che dà loro soddisfazione mentale o scoprono qualcosa di piacevole.
Leggere un’opera d’arte è un momento che tutti possono affrontare anche con grande soddisfazione: è sufficiente tener conto in quale contesto sociale, politico, ed economico si muove l’autore. Ogni tempo e ogni situazione storica interpretano, infatti, il problema della lettura che l’artista intende dare alla sua opera. Eppure c’è chi fa corrispondere “il bello” nell’arte alla riproduzione esatta di ciò che i nostri occhi vedono in natura, c’è chi lo fa diventare un fatto morale, c’è anche chi lo limita ad   una serie di regole precise, permanenti, addirittura “eterne”. C’è poi chi vede la bellezza artistica in ciò che è grande o ricco o grandioso o armonioso. Elio Vittorini, autore di romanzi diceva; “L’unico modo di garantire la possibilità del bello, del vero, del grande ecc.., è di garantire la libertà del brutto, dello stolto, del meschino e via di seguito”.
Cosa intendeva dire lo scrittore? Sicuramente che il bello o il piacevole possono essere capiti o sentiti quando si sono fatti confronti con il brutto o il non piacevole, confronti che devono avvenire in piena libertà, senza che nessuno possa imporre un unico modo di vedere o interpretare la realtà.
La libertà di vedere, dunque è ciò che conta, come conta la libertà di giudicare: e libertà di vedere significa capacità e libertà di inventare, di immaginare, di fantasticare.
Gli strumenti della critica cercano di ricostruire il più compiutamente possibile tutti i riferimenti delle immagini della cultura visiva del tempo nel quale l’artista ha prodotto l’opera, oltre alla valutazione dei valori fondamentali dell’opera pittorica. E’ importante comprendere che nessuno ha in tasca la verità assoluta, proprio perche’ la critica stessa non è una scienza esatta.L’essenziale è l’interpretazione personale, è guardare l’opera d’arte prima di tutto per quello che rappresenta, scoprire ciò che ha di nuovo o di inventato, domandarsi perché l’artista l’ha creata in quel modo piuttosto che in un altro. Alla fine, dopo aver messo in moto la ragione, magari anche l’entusiasmo e l’immaginazione, si potrà adoperare l’aggettivo di “bello”.
In quel momento non dovrete avere alcun timore a pronunciarlo perché sarà il risultato di un vostro rapporto diretto con l’opera d’arte, il compendio delle vostre capacità visive e interpretative della realtà che vi circonda.

[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: marco99 December 17, 2004, 01:29:00 AM
Ciao Stefano non frequento spesso questa sezione. Vedo che l\'argomento è molto esteso. Prometto di leggermeo con + calma e attenzione + avanti e darò um mio modesto parere.
Ciao M99
Ps è da tanto che non ti sentivo
[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Cuman December 17, 2004, 01:07:00 PM
Interessante…ho salvato il tuo post per leggerlo con più calma…

Quote:

In data 2004-12-14 00:42, stefano scrive:
E allora come mai, su certe opere di pittura o scultura c’è una specie di unanimità di consensi?



Ecco, io molto probabilmente non faccio parte di quella “unanimità”.
Cuman
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: masaniello December 17, 2004, 02:35:00 PM
Non ti piace la Cappella Sistina?
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: masaniello December 17, 2004, 03:05:00 PM
Inoltre il concetto di bello come fine più importante dell\'arte è superato ormai da tempo. E forse non è neppure una delle qualità migliori di un\'opera d\'arte. E levaci il forse.

[ Questo messaggio è stato modificato da: masaniello il 2004-12-17 15:06 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Cuman December 18, 2004, 12:29:00 PM
Se la domanda era rivolta a me ti dico che non mi piace molto…anche se è stata fatta da un grande artista non è detto che debba piacere a tutti, no? Comunque so di essere strano...
Sinceramente non apprezzo neanche tutte quelle menate che fanno i critici sulle opere d’arte…
Cuman

[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 18, 2004, 03:22:00 PM
Mah, secondo me ci sono delle opere che sono brutte. E non c\'é santo che tenga.. sono oggettivamente brutte e mi domando come sia addiruttura possibile definirle arte. Mi riferisco soprattutto a certe provocazioni.. solo perché un qualcosa fa scalpore può essere definito arte? Non credo. E in più sono brutte (aggravante). Per favore, trovatemi qualcosa di bello in sculture (o quello che sono) come la \'merda d\'artista\' di piero manzoni. 30 gr di m....a conservata al naturale, come puntigliosamente specificato. Tirata in 90 esemplari come un multiplo, ognuno di questi venduto al prezzo della quotazione giornaliera dell\'oro.. o l\'urinatoio di Duchamp. Sono sicura che se mi fossi presentata da un critico con opere del genere io sarei stata subito messa alla porta. La bellezza? depende de che depende..

_________________


Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-18 15:24 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-18 15:25 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 18, 2004, 05:44:00 PM
Concordo al 100% night.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: stefano December 18, 2004, 08:02:00 PM
Rispetto ai concetti espressi, su ARTE e Quale ARTE, ritengo che l\'universo artistico abbia percorso tatissima strada, da graffiti primitivi ritovati nelle caverne, ai sucessivi periodi storici, sono convinto che solo dal \'900 ci sia stata una fondamentale svolta, quelle di Picasso.  dal cubismo in poi, ci sono stati anche fenomeni degenerativi,in ogni caso, ogni artista và rispettato, ricordate questa affermazione di Gustave Flaubert; \"Quel che manca a tutti i critici è l\'anatomia dello stile\"

_________________


[ Questo messaggio è stato modificato da: stefano il 2004-12-18 20:03 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 18, 2004, 08:38:00 PM
l\'anatomia dello stile\"
in certi casi non c\'é stile..
.. quindi é impossibile rilevarne l\'anatomia
[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: masaniello December 19, 2004, 12:25:00 PM
Ma come.. prima mi dite che l\'arte comunica emozioni e suscita una gamma interminabile di sentimenti.. e quindi, in fondo, che tutto è arte, e adesso mi venite a dire che l\'arte va a braccetto solo con il bello! Guardate che così io mi confondo!
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 19, 2004, 12:39:00 PM
\"..e quindi, in fondo, che tutto è arte..\"
.. mai detto

Se tutto fosse arte allora potrei andare al mc donald, prendere un panino, dargli qualche morso e esporlo in un museo affibiandogli un titolo ad effetto.. stile \'il mordi e fuggi della società moderna\'.
Che grande Artista

_________________


Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.





[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-19 12:51 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: masaniello December 19, 2004, 01:39:00 PM
Potresti farlo.. ma non aggiungeresti nulla di nuovo al messaggio di Duchamp e del suo orinatoio. Dietro al quale, possa piacerti o meno, c\'è un concetto. Dietro al tuo panino cosa c\'è? Il Dadaismo nasce come arma contro il ristragno culturale del tempo e contro ogni borghesismo estetico. Non bisogna valutare un\'opera superficialmente. Lo dimostra il fatto stesso che quell\'opera venne inizialmente rifiutata (che ti pare.. mica ebbe subito vita facile) e adesso è considerata da molti l\'opera che più ha segnato il Novecento. Lo dimostra il lavoro degli artisti sucessivi. Una forza interiore quell\'opera dovrà pure averla, oppure siamo tutti degli imbecilli o dei bugiardi noi che l\'apprezziamo? Il tuo panino, piuttosto, mangialo, che altrimenti va a male.

Dal momento che non so scrivere, tengo a precisare che i toni da me usati sono affettuosamente amichevoli.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 19, 2004, 01:48:00 PM
Masaniè.. é più forte di me.. non vedo nulla di sconvolgente in un urinatoio. Se tutto é arte allora posso anche andare in un negozio di sanitari.. e rifarmi gli occhi. Volendo posso svilupparti anche un concetto dietro al panino.. basta poco a inventarsi una storia. il fatto é che ormai a quanto pare basta esser provocatori in maniera eccentrica e originale -la m.. del manzoni,i fantocci impiccati/appesi di catelan - per esser considerati artisti.E in tutto ciò non percepisco alcuna forma di bellezza..

_________________


Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-19 13:51 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 19, 2004, 01:55:00 PM
come ho già detto in un altro post io non ho avuto la fortuna di fare il liceo artistico.. quindi sono molto più ignorante di voi in materia. Per favore spiegatemi  che forza interiore posso riscontrare nelle opere di Chris Ofili, un\'artista contemporaneo che dipinge usando lo stesso materiale che Manzoni inscatola.. ragazzi e sono tutti considerati Artisti.. forse sono strana io ma non capisco ..

_________________


Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-19 13:56 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 19, 2004, 02:12:00 PM
un conto è creare opere con materiale di reciclaggio o altro, (qualsiasi cosa è ok, fantastica!) l\'arte non si abbraccia al bello!, ma all\'emozione;  come dice stefano, al vissuto dell\'artista stesso.
Un conto invece, come dice, a mio parere, giustamente Night , la \"provocazione\" perché sono un grande, mi posso permettere tutto, ke tutto viene accettato!!
mh, non mi piace come concetto.
L\'eccesso come il difetto, storpia.
(comunque Night, carina l\'idea del panino).
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: masaniello December 19, 2004, 03:16:00 PM
Ma Duchamp non era un grande. Lo è diventato muovendosi controcorrente.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 19, 2004, 05:00:00 PM
Quella di Ofili? Quella sì ke è vera \"forza interiore\" Night. (perdonami la battuta) ciao.

Mi dispiace masa, non sono così acculturata, ora non posso risponderti, ...ma lo farò.
baci.

[ Questo messaggio è stato modificato da: anastasia il 2004-12-19 17:11 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 19, 2004, 05:21:00 PM
allora si ritorna al mio concetto di fondo..
\'a volte basta esser provocatori in maniera eccentrica e originale per esser considerati artisti\'... :-/
Quanti di voi comprerebbero (se fosse possibile)l\'opera di duchamp e la metterebbero in bella mostra nel salotto di casa? l\'arte é fatta per essere ammirata

_________________

Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-19 17:22 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: stefano December 19, 2004, 07:34:00 PM
  Anastasia dice che; \"un conto è creare opere con materiale di reciclaggio o altro, (qualsiasi cosa è ok, fantastica!) l\'arte non si abbraccia al bello!, ma all\'emozione; come dice stefano, al vissuto dell\'artista stesso.
Un conto invece, come dice, a mio parere, giustamente Night , la \"provocazione\" perché sono un grande, mi posso permettere tutto, ke tutto viene accettato!!
mh, non mi piace come concetto.
L\'eccesso come il difetto, storpia.\"

Non voglio aggiungere nulla al concetto di Anastasia, che condivido in pieno, ma a mò di conclusione sul tema della fantasia e della capacità artistico-creativa, ecco un\'affermazione davvero autorevole per la firma che porta;
\"Un tempo disegnavo come Raffaello,
ma mi ci è voluta una vita intera per disegnare come i bambini.....\"
                           Pablo Picasso
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 19, 2004, 08:54:00 PM
Stefano ciao,
anche io avrei voluto fare l\'esempio di Picasso, ma non mi sembrava pertinente in merito all\'argomento posto da Night.
Premetto non conosco le oprere di Duchamp, ma posso intuire che non usa la stessa tecnica di Picasso, (non credo ke Naiht e nessun altro avrebbe mai messo in discussione Picasso), ma faceva riferimento, proprio a quegli \"artisti\"  che fanno dell\'arte uno strumento \"demenziale?!\"
(ora masa mi insulterà a morte)
non so se sono stata chiara, lo spero però.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: sanja December 20, 2004, 01:22:00 AM
beh, io l\'urinatoio di duchamp lo metterei in bella vista, adoro il dadaismo (non so se si è capito )
condivido con masaniello.

tornando al discorso principale: non si può generalizzare dando per assoluta una qualsiasi definizione di BELLO o BRUTTO nell\'arte. a me michelangelo per esempio non può dire nulla, e magari una pisciatoio si. a me colpisce la provocazione, il concetto e non la tecnica. la tecnica annoia, qualcosa che colpisce non ti stanca mai.
è come paragonare i dream theater ai tool.
in parole povere: è una cosa soggettiva.
e non bisogna confondere la tecnica con il fattore estetico.

e stefano, condivido in pieno su quello che hai scritto:)
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 20, 2004, 07:55:00 AM
Vabbé a questo punto mettetevi il pisciatoio in salotto... magari abbinato alle \'sculture\' di piero manzoni e a un quadro di ofili (così si fa tutto l\'abbinamento).. io (potendo s\'intendo) preferirei appendere al muro la nascita di venere o la madonna con bambino e angeli di Lippi. Chiudo qui

_________________

Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-20 08:01 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 20, 2004, 10:14:00 AM
ciao raga, allora dato ke sono ignorante in  materia, e lungi da me l\'intento di farvi cambiare idea, anzi, vorrei IO capire come riuscite ad apprezzare certe opere, Sanja e Masa, mi potete spiegare in base a cosa le opere sopracitate dalla nostra cara Night sono degne di essere considerate tali? Spiegatemi, cosicché nel momento in cui ne veda una, invece di ingorarla disgustata, mi possa soffermare a osservarla e a trarne un\'emozione positiva! per favore illuminatemi voi.


Stefano vorrei capire una cosa! quando hai scritto il tuo primo post, facevi riferimento a tali \"opere\"?
Io quando ho letto il post non ci ho pensato affatto, a me è sono venuti in mente \"Picasso, Matisse, Klimt, Dalì... e tutti coloro ke come te usano oggetti di ogni tipo per dargli personalità \" è stata Night ke con la sua argomentazione mi ha fatto venire in mente che esistono anche certe opere ke, per ora, non riesco ad apprezzare, perché guardandole non vedo nulla, se non l\'oggetto fine a se stesso.

ps. anche io condivido il concetto di Stefano, ma a tutto c\'è un limite!

n.b. spero mi facciate cambiare idea!

bacioni e Buone feste

[ Questo messaggio è stato modificato da: anastasia il 2004-12-20 10:33 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: anastasia il 2004-12-20 10:37 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 20, 2004, 11:04:00 AM
bu ..
(si, ok.. avevo detto che quello era il mio ultimo post sul tema.. ma giuro che non parlerò più delle stesse cose ).
Il dadaismo é nato come ribellione a determinati concetti dei benpensanti.. in pratica si tratta di un movimento che arriva persino alla negazione dell\'arte in nome della libertà. Di conseguenza molti oggetti estrapolati dal loro contesto, dotati di un certo significato (vedi i famosi barattolini di manzoni) possono (secondo questa definizione) essere visti come delle opere.. tuttavia ci sono dei punti su cui non sono d\'accordo. Mi dispiace ma conosco abb bene manzoni (anche se non sono sicura che sia collegato al dadaismo.. cmq.. l\'arte é arte)quindi farò altri esempi legati a lui.. vedi Basi Magiche (chi vi sale sopra diventa un\'opera d\'arte), le persone firmate dall\'artista (alle quali rilasciava una ricevuta di attestazione di questo stato) e consumazione dell\'arte attraverso la sua divorazione (uova sode firmate e consumate nella galleria dall\'artista - non vi ricorda la storia del mio panino? ). Dietro a tutte le sue provocazioni ci sono anche dei concetti interessanti.. ad es che gli uomini sono disposti a comprare qualsiasi cosa purché sia firmata. Ma un concetto non credo che faccia diventare una scultura, un dipinto, ecc un\'opera d\'arte... o almeno non sempre. Da ignorante quale sono mi viene da pensare a leonardo e a tutti gli sforzi che ha fatto per apprendere e migliorare (anche nel disegno e la pittura).. il termine \'opere d\'arte\' racchiude tutte le produzioni artistiche.. quelle di leonardo sono opere d\'arte.. ma come faccio a far rientrare nella stessa categoria anche le basi magiche?


_________________


Il vantaggio di essere intelligente e\' che si puo\' sempre fare l\'imbecille,
mentre il contrario e\' del tutto impossibile.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Nightlight il 2004-12-20 11:07 ]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 20, 2004, 11:25:00 AM
ciao nignt,
grazie per la spiegazione, tu la pensi come me, vorrei leggere il parere di masa e sanja, cosa vedono e cosa danno loro queste opere?
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 20, 2004, 12:17:00 PM
Sapete una cosa? mentre lavavo i piatti, riflettevo sull\'argomento, purtroppo non ho molto tempo per scrivere, devo andare al lavoro, cercherò di sintetizzare.
Tutto ci riporta alla fatilica frase \"non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace\", in effetti tutto è rapportato a come siamo noi.
C\'è chi ama avere emozioni brevi ma forti, c\'è chi piace avere emozioni \"ascenteni?\" ossia godersi l\'interezza dell\'emozione mentre cresce dentro di noi, c\'è ki prova sesso nel vedere una bella donna in abiti sexy e provocanti, ki invece la trova volgare, ki ama gli sport estremi, ki invece gli sport con relativa assicurazione. Tutto può piacere, dipende da noi.
Però la risposta di masa e sanja ci tengo a sentirla. purtroppo per me, contro di loro, è una lotta impari, io non conosco il Dadaismo, so dell\'esistenza di alcune opere, ma non so abbinarle ai propri creatori. E\' un\'arte ke non mi è mai interessata, pensavo di non perdermi niente, solo ora me ne pento, avrei potuto controbattere meglio!
[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: sanja December 20, 2004, 01:06:00 PM
ciao ana
allora io la penso così (mi pare di averlo scritto anche su un altro topic)

a me sinceramente vedere un\'opera di un artista moderno non mi dà niente. ok, posso indubbiamente dire che la tecnica sia da osservare a bocca aperta con bava allegata, ma scusa, un cristo, una madonna con bambino o una venere al di là del messaggio religioso   o mitologico non dice nulla.
arte a mio parere (e ribadisco mio) è stupire, dare un messaggio, colpire, catturare, fare riflettere, creare uno scambio tra messaggio proposto e interpretazione personale (che poi potrà anche essere totalmente diversa la mia interpretazione da quello che l\'artista voleva dire, ma il bello è qui, questi concetti e movimenti di idee che sono messi sempre in discussione).

a mio parere non c\'è nessun messaggio dietro un\'opera moderna, solo l\'esaltazione della figura rappresentata. non so se mi spiego.

con questo non voglio dire che michelangelo o leonardo non hanno fatto arte, anzi, ma io non la preferisco ad altre.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia December 20, 2004, 02:18:00 PM
Certo, capisco!!
Se un Duchamp, Ofili o un p. Manzoni, fanno parlare così tanto di sé, ...o sono dei grandi loro o siamo degli idioti noi.
insomma se uno riesce a mettere un urinale in un museo e farlo apprezzare qualcosa darà!!
Comunque per quanto mi riguarda con è il genere d\'arte ke apprezzo, io amo Dalì, Klimt, Picasso, ....etc;   e, non disdegno, come del resto dici anche tu, i grandi del rinascimento.

ciao e buone feste
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: lkl December 20, 2004, 06:42:00 PM
sarò rapido nel mio \"contributo\" riguardo alla visione dell\'arte.
mettiamo che, in un ipotetico museo, siano esposti l\'orinatoio in questione e un quadro di rubens.
ipotizzando che io sia un visitatore incontinente che non riesca a trovare la toilette... in quale opera d\'arte espleterei i miei bisogni?
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: masaniello December 20, 2004, 06:58:00 PM
Nelle tue mutande. E poi tornato a casa vatti a cambiare.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: lkl December 20, 2004, 07:03:00 PM
Quote:

In data 2004-12-20 18:58, masaniello scrive:
Nelle tue mutande. E poi tornato a casa vatti a cambiare.



ottimo suggerimento.
però, suppondendo di togliermele per strizzarmele, dove le strizzerei? nell\'orinatoio o sul quadro di rubens?
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight December 21, 2004, 01:27:00 AM
una venere, una madonna con bambino ecc. dice molto.. e non solo dal punto di vista religioso e/o mitologico. Forse ho una concenzione di arte troppo classica ma personalmente amo osservare tutto ciò che é bello. Tempo fa ho comprato un volume sull\'arte e ho visto il dipinto di Lippi.. sono rimasta letteralmente incantata dall\'immagine. La Madonna é così graziosa e soave..credo di averla fissata per circa un\'ora. Resto sempre sbalordita di fronte a tanta bravura.. agli anni di studio e lavoro che determinati Artisti hanno compiuto... e alla fatica di creare certe opere (penso a tutte le prove, alle condizioni di lavoro dell\'epoca..).. Purtroppo non riscontro nulla di speciale in un sanitario.. c\'é un concetto? forse.. ma sempre sanitario rimane (parere mio). Per quanto riguarda manzoni.. beh sospetto che si sia fatto un bel pò di risate alle spalle dei critici e compagnia bella. Più che un\'artista lo definirei un grande commerciante...
[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Phoenix December 30, 2004, 10:28:00 PM
è una discussione che non finirà mai... io amo i classici come i moderni, e se devo aggiungere un argomento in favore dei moderni, c\'è da dire che l\'arte è figlia del suo tempo: capisci i futuristi se ricordi che sei nell\'epoca dei nazionalismi e della grande guerra... in un certo senso guardare un\'opera d\'arte è come fare un tuffo nel passato, e finire a vedere il soggetto con gli occhi di chi lo ha dipinto...
(ciò non toglie che oggi tanti \"artisti\" approfittano delle libertà che i loro predecessori gli hanno fornito per fare soldi. e basta.)

ora però un\'ultima cosa, che nn riesco a nn scrivere... non potete dirmi che guardando michelangelo, è \"solo tecnica\" e non trasmette nulla... un\'opera di michelangelo è un pugno nello stomaco che ti toglie il fiato, un\'onda di emozioni violente che per un attimo ti ferma il cuore, senti il dolore e la passione di chi ha plasmato il marmo, di chi ha dipinto il corpo umano nella sua estrema tensione... in ogni opera di michelangelo c\'è la sua anima!!! sono qualcosa di pulsante, e per quanto pertinenti al reale sono distorte e allucinanti...


[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: apadravyas January 14, 2005, 05:12:00 PM
Arte è comunicazione, comunicare significa dire che questo è bello, questo è brutto, questo è vero questo è falso e così via!!!

I bronzi di Riace sono opere d\'arte tanto quanto una statuetta fatta con gusci di cozze:
Il primo la bellezza fisica dei due atleti.
La seconda può comunicare la chiusura mentale di un popolo o può dire che un piatto con quel prodotto è buono ecc...

Tutto è arte se comunica qualcosa e non è detto che questo qualcosa debba essere per forza bello.

Un pittore informale (non ricordo chi) si opponeva al concetto di arte come di qualcosa di bello, in un mondo dove la gente muore di fame, dove c\'è la bomba atomica e dove i giovani vengono mandati a morire in Vietnam questo mondo allora non può produrre arte ma non arte.
I primi vagiti artistici dell\'uomo non sono nati a caso o per mostrare il bello ideale, ma come estensione del linguaggio.
Nelle società primitive danzare insieme a un gruppo di persone significa farne parte e la danza è una forma d\'arte. I primi strumenti musicali sono nati per comunicare sulle grandi distanze come il tam tam tutt\'ora utilizzato da molti popoli delle foreste.

Nel mondo occidentale da diversi anni sta andando forte la body art (tatuaggi, piercing ecc...) sono considerati un fattore estetico da noi, se però andiamo presso altri popoli scopriremo che il tatuaggio è un simbolo di forza, segno di far parte di una tribù (o clan, o famiglia...), segno che simboleggia l\'abbandono dell\'età infantile ecc...

Arte è comunicazione. PUNTO.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight January 14, 2005, 06:54:00 PM
Arte è comunicazione. PUNTO.
togli il punto altrimenti non possiamo più comunicare...
.. l\'arte può anche essere comunicazione.. ma nn tutta la comunicazione é arte. Un volantino, un telegramma, l\'intervista della lecciso sono sempre forme di dialogo.. ma da qui a definirle arte ci vuole mooolto coraggio (eppure c\'é sempre un messaggio).
.. per il resto... \'si opponeva al concetto di arte come di qualcosa di bello.. in un mondo la gente muore di fame, dove c\'è la bomba atomica e dove i giovani vengono mandati a morire in Vietnam questo mondo allora non può produrre arte ma non arte\'.. onestamente nn la capisco.  Il \'bello\' non deve esistere perché la vita é quella che é?.  Insomma devo essere immersa 24 h. su 24h. nei problemi del mondo e/o a farmi mille giri di testa? Secondo me no. Un bel dipinto, una scultura fatta come si deve permettono anche di staccare ogni tanto la spina.. senza contare che possono lo stesso comunicare qualcosa. Tecnica non é sinonimo di nulla.. invece mettersi a mangiare delle uova in una galleria - scusate - ma mi lascia perplessa..
[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: apadravyas January 15, 2005, 03:06:00 PM
> togli il punto altrimenti non possiamo più > comunicare...
Ehm, mi riferivo parlando dal mio punto di vista che non è assoluto.
Oppure l\'ho messo perchè da artista ho delle difficoltà a esprimermi verbalmente e questo attira l\'attenzione???
Anche questa può essere arte.

> .. l\'arte può anche essere comunicazione.. > ma nn tutta la comunicazione é arte.
Dico che arte è comunicazione ma non ho certo detto il contrario. Anzi non ho detto affatto che la comunicazione è arte.

> l\'intervista della lecciso
Mi fa piacere vedere che c\'è gente che la scrive in minuscolo, hai notato le sue labbra come si sono ridotte??? Il suo chirurgo deve avere anche lui ispirazioni d\'artista, l\'infinitamente brutto è pari all\'infinitamente bello, sono due estremi diametralmente opposti che implicano gli stessi sforzi per una persona di raggiungerli.
Il resto è solo questione di gusti, dolce o salato??? Bionda o mora??? Caldo o freddo???

> onestamente nn la capisco. Il \'bello\' non > deve esistere perché la vita é quella che > é?. Insomma devo essere immersa 24 h. su
> 24h. nei problemi del mondo e/o a farmi
> mille giri di testa? Secondo me no.
Punti di vista, probabilmente chi lo ha detto non riuscirebbe a capire te... Magari vuole comunicare qualcosa ad altre persone che rimangono incollate davanti al televisore a rimbecillirsi con le lecciso o altre amenità. Uno guarda quell\'opera e si chiede: \"Perchè ha fatto così???\" Magari si incuriosisce e si va a informare.
E\' un ipotesi ma perchè non dovrebbe essere così per certi artisti???

> Tecnica non é sinonimo di nulla..
Mah... sinceramente ti darei ragione si ti riferisci ad altre situazioni, Ti dirò che preferisco di più vedere un opera brutta, priva di tecnica ma vera piuttosto che una bellissima ma fatta in maniera accademica come ce ne sono migliaia e migliaia.
Con ciò non intendo dire che gli affreschi della cappella Sistina facciano schifo perchè sono un esaltazione della tecnica, tutt\'altro, gli scultori classici o Michelangelo sono riusciti a creare un ideale di bellezza quasi universale (almeno per quanto riguarda il mondo occidentale, fuori non so) proprio perchè sono riusciti a coniugare la tecnica con la capacità di stupire e comunicare.
Tuttavia adesso non è così, non so se qualcuno segue telemarket, vendono opere di tantissimi autori, molte sono pure opere fatte con una maestria e un eleganza eccezionali, ma mi sembrano fredde, o peggio ancora prive di originalità, sempre gli stessi paesaggi, gli stessi cavalli...

Artista per me è colui che segue un istinto primario, pari al bere o al dormire, di comunicare e se ne frega se ha studiato disegno o meno, se conosce l\'anatomia o meno, se conosce la prospetiva o no. Lo fa e basta.

> invece mettersi a mangiare delle uova in
> una galleria - scusate - ma mi lascia
> perplessa..
Magari l\'artista mangia delle uova per comunicare lo stato di perplessità a chi ha di fronte. Magari l\'artista è più perplesso di te.

Ciao
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia January 15, 2005, 06:02:00 PM
Scusate ragazze non riesco a starvi dietro!!!, ...ma di ke state parlando?
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight January 15, 2005, 07:23:00 PM
Eh la peppa quanto sei permaloso! Era una battuta.. don\'t worry, be happy
\" ma nn tutta la comunicazione é arte.
Dico che arte è comunicazione ma non ho certo detto il contrario. Anzi non ho detto affatto che la comunicazione è arte\"
Eh?.. hai detto tutto e il contrario di tutto.. non ti seguo.
\"Punti di vista, probabilmente chi lo ha detto non riuscirebbe a capire te... Magari vuole comunicare qualcosa ad altre persone che rimangono incollate davanti al televisore a rimbecillirsi con le lecciso o altre amenità. Uno guarda quell\'opera e si chiede: \"Perchè ha fatto così???\" Magari si incuriosisce e si va a informare.
E\' un ipotesi ma perchè non dovrebbe essere così per certi artisti??? \"
Ottimo. Questo pittore nella vita pensa solo e esclusivamente ai problemi del mondo? Sì?.. O ogni tanto fa anche altro? E poi non é questo il punto.. può comunicare quello che vuole, ci mancherebbe - ma dire che il bello nell\'arte non deve esistere perché il mondo fa schifo é un altro paio di maniche. Viene da pensare che viviamo in un  periodo di decadenza delle arti, forse produrre opere scadenti é più semplice a molti. L\'importante é farsì di convogliare il giudizio della gente facendole credere sia \"arte sofferta\". E se questa non é tecnica..
\'Artista per me è colui che segue un istinto primario, pari al bere o al dormire, di comunicare e se ne frega se ha studiato disegno o meno, se conosce l\'anatomia o meno, se conosce la prospetiva o no.\'
Ognuno ha il suo parere. Per me non é così.. ci vogliono studio, tecnica e ingegno. Sul fatto che oggi c\'é  non esistano opere \"di stile classico \"tali da segnare un\'epoca hai ragione.. purtroppo viviamo un periodo un pò grigio da questo punto di vista.
\'Magari l\'artista mangia delle uova per comunicare lo stato di perplessità a chi ha di fronte. Magari l\'artista è più perplesso di te\'.
.. o magari é solo un abile commerciante..
ps. eheh Anastasia

[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: masaniello January 16, 2005, 02:53:00 AM
Eh si.. abilissimo commerciante.. non sai quanti soldi guadagna per mangiare quelle uova davanti a tutti..
Di certo lo fa per lucro! Porcamiseria.. milioni e milioni di euro per ogni uovo che mette in bocca!
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: Nightlight January 16, 2005, 10:36:00 AM
Tutto serve ad alimentare il mito
.. e le quotazioni dei barattolini di cacca s\'impennano...
.. valgono più dell\'oro.
Chi riesce a vendere la propria cacca é l\'artista dell\'effimero.
[addsig]
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: anastasia January 16, 2005, 09:50:00 PM
... io non riesco a seguire più i vostri discorsi, ....mi sono persa, e gia da un po\'!!!!

comunque saluto tutti caldamente.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: raf February 08, 2006, 06:31:05 PM
Leggendo un pò i vari topic ho letto e ho visto cose molto interessanti e disegni ben fatti, complimenti, è raro incontrare, seppur virtualmente, gente così interessante.
Il bello e il brutto nell\'arte sono già insiti nella parola stessa ossia nel suo significato più semplice.Il bello è ciò che oggettivamente è bello (che piace a tutti, istruiti o meno )e il brutto viceversa è ciò che  oggettivamente non piace a nessuno.Sul primo punto niente da dire, chiunque si accorge di una bella opera d\'arte.Sul secondo punto, il brutto nell\'arte, bisognerebbe fare un chiarimento opportuno.Se il brutto è voluto dall\'artista penso che l\'opera abbia riprodotto artisticamente un qualcosa che esiste (nessuno dubita che esista il brutto, pur non volendolo), se invece il brutto è frutto di errate esecuzioni non volute dall\'artista, direi che invece l\'opera non merita alcun elogio.
Poi c\'è l\'idea.L\'idea a mio avviso si discosta dal giudizio del bello o del brutto.Un idea può piacere o meno ma la sua rappresentazione, se eseguita dall\'artista nel modo da lui voluto viaggia su altri binari.Ecco che la merda d\'artista (a proposito, so che hanno aperto una di quelle scatole e non c\'era niente dentro) rappresenta un idea così come la pop art e qui si può andare avanti ore...ma l\'idea nascosta dietro un quadro è arte quando sveglia sensazioni ormai schiacciate, sopite...L\'idea può diventare arte se ben eseguita e se raggiunge lo scopo.
Poi ci sarebbe da parlare dei critici, dei mercanti, degli investimenti, che spesso  focalizzano uno o più artisi individuando le mode del momento e manovrando saggiamente nomi e prezzi.Però il bello e il brutto rimangono ma  oggi più che mai la confusione fa tornare indietro nel tempo sia critici sia artisti che si aggrappano allo scoglio del realismo.Senza togliere niente al bello del realismo...ma occorre andare avanti, c\'è chi osa e quelli saranno gli artisti che segneranno questi nostri anni di guerra, di confusione religiosa che purtroppo ci stanno accompagnando mentre comunque la vita continua.Compito dell\'artista è anche quello di svegliare gli animi su quello che sta succedendo nel mondo e non di nascondersi dietro lirismi passati.Scusate se ci sono errori , non rileggo.
: il bello e il brutto nell\\\'arte...
: leonardo October 09, 2006, 01:27:25 AM
: \"Nightlight\"
una venere, una madonna con bambino ecc. dice molto.. e non solo dal punto di vista religioso e/o mitologico. Forse ho una concenzione di arte troppo classica ma personalmente amo osservare tutto ciò che é bello. Tempo fa ho comprato un volume sull\'arte e ho visto il dipinto di Lippi.. sono rimasta letteralmente incantata dall\'immagine. La Madonna é così graziosa e soave..credo di averla fissata per circa un\'ora. Resto sempre sbalordita di fronte a tanta bravura.. agli anni di studio e lavoro che determinati Artisti hanno compiuto... e alla fatica di creare certe opere (penso a tutte le prove, alle condizioni di lavoro dell\'epoca..)..

ti riferisci forse a questa ?
http://digilander.libero.it/maestridellapittura/Filippinolippi02.htm
Io rimango della convinzione che alcuni artisti , il Lippi e\' un ottimo esempio ma anche Michelangelo ed altri , hanno una particolare capacita\' di trasferire la propria devozione attraverso la loro arte , quando arte e devozione si congiungono , ecco che la contemplazione di questa bellissima Madonna con il suo bambin Gesu\' , diventa una preghiera
Ma di sicuro lo e\' stata anche la sua compilazione , dal primo colpo di pennello fino all\'ultima velatura
Questa e\' arte con profonda devozione
http://www.polifonicamaterana.it/EcceLignum/copertina.htm
ed anche questa
http://www.scultura-italiana.com/Galleria/Michelangelo/imagepages/image25.html
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6e/Diego_Velasquez%2C_Christ_on_the_Cross.jpg
http://www.abcgallery.com/M/michelangelo/michelangelo6.html
: Re:il bello e il brutto nell\\\'arte...
: goccia August 07, 2010, 03:21:04 PM
Credo che il contrasto tra bello è brutto nell'arte a partire dal cubismo si è transformato in opera concettuale e perfezione realista, volendo non limitare la composizione dell'opera alla sua realistica rappresentazione ma a suscitare un miscuglio di emozioni nell'osservatore.

_La_Deposizione_di_Cristo.jpg/320px-Caravaggio_-_La_Deposizione_di_Cristo.jpg           http://iriseventi.it/files/2009/12/man_ray_metronomo_dadaismo.jpg